Senza categoria

INTRODUZIONE

Il Mediterraneo è attualmente visto principalmente come un mare divisorio, ma i paesi culturalmente diversi si trovano ancora uniti nel patrimonio della dieta mediterranea, senza che ciò distorca l’identità di ciascuno di essi. 

La dieta mediterranea, riconosciuta dall’UNESCO come patrimonio culturale immateriale dell’umanità, è la testimonianza della forte congiunzione tra le persone che vivono nello stesso mare, i loro territori e i loro modi di vita, che oggi devono essere fortemente salvaguardati da un aumentare il processo di erosione e rivitalizzare come stile di vita sostenibile e sano contemporaneo. Nel Mediterraneo ci sono diverse culture alimentari, espresse nell’ampia varietà di alimenti della dieta mediterranea, scientificamente riconosciuta come una delle diete più sane del mondo. Paradossalmente, questa quantità impressionante di pubblicazioni scientifiche sui benefici per la salute della dieta mediterranea, non ha portato a modificare gli attuali modelli di consumo di cibo malsano e insostenibile nei paesi mediterranei. 

In tutta la regione mediterranea, vi è una “deriva ineguale” nelle attuali relazioni tra i paesi del Mediterraneo settentrionale e quelli del sud-est, dove si incontrano molte difficoltà a causa delle attuali disparità economiche, sociali e culturali. In effetti, gli indicatori macroeconomici della regione mediterranea sottolineano la marcata eterogeneità tra i paesi e un divario crescente tra le economie avanzate nelle coste settentrionali e quelle meno sviluppate in quelle sud / est. Il Mediterraneo è oggi una regione in cui crescono le sfide ecologiche, economiche, sociali e culturali convivono con le tensioni internazionali non risolte. Significative discrepanze nei livelli di sviluppo tra i paesi del Nord e dell’Est, insieme ai conflitti regionali, sollevano maggiori sfide per il futuro sostenibile delle aree del Mediterraneo. Nell’ambito del dibattito sull’agenda 2030 sullo sviluppo sostenibile sulla sostenibilità dei sistemi alimentari, l’interesse per le diete sostenibili è cresciuto negli ultimi anni, collegando il consumo e la produzione. Pertanto, l’interesse per la dieta mediterranea anche come modello di dieta sostenibile, con molteplici benefici e variazioni specifiche per paese, è stato risvegliato.

Il fondamento logico della Conferenza mondiale di Palermo è che una migliore comprensione della complessità e della multidimensionalità della sostenibilità dei sistemi alimentari rafforzerà il dialogo tra i paesi del Nord e del Sud per affrontare le crescenti sfide per la sicurezza alimentare, l’alimentazione e la sostenibilità nella regione mediterranea.

Per affrontare queste sfide diverse ma interdipendenti, è necessario identificare e rafforzare ulteriormente le strategie e i programmi regionali congiunti, in cui il potenziale di “ricerca, innovazione, condivisione delle conoscenze e sviluppo delle capacità” dovrebbe essere messo in evidenza come forza trainante per il cambiamento verso sistemi alimentari più sostenibili nella regione, come strumenti essenziali per sostenere l’attuazione di un’economia inclusiva nel Mediterraneo, in attuazione dell’agenda per lo sviluppo sostenibile del 2030.