• 16,  Hall 5

    THURSDAY, 16 MAY 2019 H5

    Location 5 – Palazzo delle Aquile, Sala delle Lapidi

    14.30-16.30
    Sessione 15
    Lessons Learned from different Sustainable Diet Case Studies: Japanese Diet, New Nordic Diet and Mediterranean Diet
    Chaired by Jacques Delarue, FENS;

    Speakers
    Features and challenges of the Japanese diet from the viewpoint of the national Shokuiku (food and nutrition education) promotion.
    Yukari Takemi, Kagawa Nutrition University. Chiyoda, Sakado-city, Saitama, Japan

    The rise of kale: how progressive policy enabled healthy and sustainable consumer choices
    Mads Frederik Fischer-Møller, Nordic Council of Ministers Copenhagen, Denmark

    Mediterranean diet and sustainability in current dietary patterns in Spain
    Carmen Pérez-Rodrigo, University of the Basque, Bilbao, Spain

    Mediterranean Diet: from health to sustainability
    Laura Rossi, CREA Centre of Research on Food and Nutrition., Rome, Italy

    Investigating the place of meat in more sustainable diets: insights from the two Mediterranean shores
    Nicole Darmon, INRA 1110, CIRAD, CIHEAM-IAMM, SupAgro, Montpellier Université, Montpellier, France

    17.00-19.00  SESSION 16 Sustainable Diets: Linking Nutrition and Food Systems.

    Chaired by Barbara Burlingame, Massey University; Sandro Dernini, President, Forum on Mediterranean Food Cultures

    speakers

    Globally Important Agricultural Heritage systems (GIAHS): A legacy for Food and Nutrition Security

    Parviz Koohafkan, World Agricultural Heritage

    Traditional Foods at the Epicentre of Sustainable Food Systems

    Antonia Trichopoulou, Hellenic Health Foundation

    The Med Diet 4.0 Framework: a Multidimensional Driver for Revitalizing the Mediterranean Diet as a Sustainable Model – lessons learned about the assessment of food systems.

    Massimo Iannetta and Milena Stefanova, ENEA.

    Crossing Sociological, Ecological, Economical and Nutritional Perspectives on Agrifood Systems Transitions: Towards a Transdisciplinary and Multistakeholder Approach

    Marie Josèphe Amiot-Carlin, MOISA, Univ Montpellier, CIRAD, CIHEAM-IAAM, INRA, Montpellier SupAgro

    Naorai – Myazaki Food and Agricultural Heritage System of Japan

    Tomonori Tasaki, Takachiho Town Office, Miyazaki;Nahoko Shimada, the Research Institute for Humanity and Nature, Japan

    The Transdisciplinary Imperative: Pushing policy Instruments for Sustainable Diets

    Barbara Burlingame, Chair, Sustainable Diets Task Force of the International Union of Nutritional Sciences (IUNS)

    20.30 CENA

  • 16,  Hall 5,  The Venue

    Giovedì 16 Maggio 2019 H5

    Location 5 – Palazzo delle Aquile, Sala delle Lapidi

    17.00-19.00  SESSIONE 16

    Diete Sostenibili: Collegando Nutrizione e Sistemi Alimentari.

    Obiettivo: progredire nella comprensione dei collegamenti transdisciplinari tra diete sostenibili e sistemi alimentari sostenibili.

    Co-presieduto da Barbara Burlingame, Massey University; Sandro Dernini, Presidente, Forum sulle Culture Alimentari Mediterranee

    Interventi

    Sistemi di patrimonio agricolo di importanza globale (GIAHS): Eredità per la sicurezza alimentare e nutrizionale

    Parviz Koohafkan, World Agricultural Heritage Foundation

    Alimenti tradizionali all’epicentro dei sistemi alimentari sostenibili

    Antonia Trichopoulou, Hellenic Health Foundation, Atene

    La Med Diet 4.0 Framework, un driver multidimensionale per rivitalizzare la dieta Mediterranea come modello sostenibile: Lezioni apprese sulla valutazione dei sistemi alimentari.

    Massimo Iannetta e Milena Stefanova, ENEA.
    Attraversando prospettive sociologiche, ecologiche, economiche e nutrizionali sulle transizioni dei sistemi agro-alimentari: verso un approccio transdisciplinare e multistakeholder

    Marie Josèphe Amiot-Carlin, MOISA, Università di Montpellier, CIRAD, CIHEAM-IAAM, INRA, Montpellier SupAgro

    Naorai – Myazaki sistema del patrimonio alimentare e agricolo del Giappone

    Tomonori Tasaki, Comune di Takachiho, Miyazaki;Nahoko Shimada, Istituto di Ricerca per l’Umanita e la Natura, Giappone

    L’imperativo transdisciplinare: spingere gli strumenti politici per le diete sostenibili

    Barbara Burlingame,  Presidente Sustainable Diets Task Force sulle Diete Sostenibili dell’Unione Internazionale delle Scienze della Nutrizione (IUNS)

  • 17,  Hall 1,  programme

    FRIDAY, 17 MAY 2019

    S. CECILIA THEATRE, PLENARY HALL

    8.30 – 10.30 Session 17: The Mediterranean Diet as a Lever for Bridging Consumption and Production in a Sustainable and Healthy Way in the Mediterranean Region
    An Open discussion: To recieve guidance on how to proceed successfully towards the revitalization of the Mediterranean diet by linking sustainable consumption and production in the Mediterranean Region in the context of the improvement of the sustainability of Mediterranean food systems.
    Co-Chaired by Roberto Capone, Principal Administrator, CIHEAM-Bari; Elliot Berry, former Director of the Braun School of Public Health, Hebrew University; Sandro Dernini, President, Forum on Mediterranean Food Cultures.

    10.30 – 10.45 Coffee break

    10.45 – 12.45 Session 18: Fostering Multi-stakeholder Engagement and Partnerships Towards More Sustainable Food Systems in the Mediterranean Region.
    Objective: To recieve guidance on how to proceed successfully for engaging interested parties in the co-development of a Multi-stakeholder Sustainable Food Systems Initiative for the Mediterranean region , to accelerate the shift towards more Sustainable Food Systems.
    Co-Chaired by Jamie Morrison, Director/Strategic Programme Leader, Food Systems Programme, FAO; Sandro Dernini, CIHEAM-Bari
    Speakers:
    The Sustainable Food Systems Programme of the United Nations One Planet (10YFP) as a multistakeholder platform for a systemic approach
    Patrick Mink, One Planet Sustainable Food Systems Programme

    The shift towards Sustainable Consumption and Production and Circular Economy at the Union for the Mediterranean
    Alessandra Sensi, Union for the Mediterranean
    Integration of circolar economy, bioeconomy and blue growth for new production and consumption models in the framework of Sustainable Food Systems
    Massimo Iannetta, ENEA, on behalf of the National Technological Cluster Italian Blue Growth BIG

    12.45 – 13.15 CONCLUSIONS

    Introduction: Sandro Dernini, Conference Coordinator
    Leoluca Orlando Mayor of Palermo,
    Gaetano Armao, Vice President Sicilian Region, Commissioner Sicilian Economy Dept.
    Placido Plaza, Secretary-General, CIHEAM;

  • 17,  Hall 1,  programme

    VENERDI, 17 MAGGIO 2019

    TEATRO S. CECILIA, SALA PLENARIA

    8.30 – 10.30 Sessione 17: LA DIETA MEDITERRANEA COME VOLANO PER COLLEGARE I CONSUMI E LE PRODUZIONI IN MODO SOSTENIBILE E SANO NELLA REGIONE MEDITERRANEA
    Obiettivo: Ricevere indicazioni su come procedere con successo sulla rivitalizzazione della dieta Mediterranea come un modello di dieta sostenibile atto a migliore la sostenibilità dei sistemi alimentari Mediterranei
    Co-presieduto da Roberto Capone, Amministratore Principale, CIHEAM-Bari; Elliot Berry, ex-Direttore della Braun School di Salute Pubblica, Hebrew University; Sandro Dernini, Presidente, Forum sulle Culture Alimentari Mediterranee

    10.30-10.45 Coffee break

    10.45. 12.45 Sessione 18: Promuovere l’impegno e partenariati multi stakeholder verso Sistemi Alimentari più sostenibili nella Regione Mediterranea.
    Obiettivo: Ricevere indicazioni su come procedere con successo nello co-sviluppo di una piattaforma Multistakeholder per accelerare il passaggio verso più sistemi alimentari sostenibili nella regione Mediterranea.
    Co-presieduto da Jamie Morrison, Direttore, Programma Strategico Sistemi Alimentarie, FAO; Sandro Dernini, CIHEAM-Bari

    Interventi:
    Il programma sui Sistemi Alimentari Sostenibili del One Planet Network delle Nazioni Unite ( 10YFP) come piattaforma multistakeholder per un approccio sistemico
    Patrick Mink, One Planet Programma Sistemi Alimentari Sostenibili
    Il passaggio Mediterraneo verso consumi e produzioni sostenibili ed economia circolare nell’Unione del Mediterraneo
    Alessandra Sensi, Unione per il Mediterraneano
    Integrazione dell’economia circolare, della bioeconomia e della crescita blu per nuovi modelli di produzione e consumo nel quadro di sistemi alimentari sostenibili.
    Massimo Iannetta, ENEA, in rappresentanza del Cluster Tecnologico Nazionale Italian Blue Growth (BIG)

    12.45-13.15 CONCLUSIONI

    Introduzione: Sandro Dernini, Coordinatore della Conferenza
    Leoluca Orlando, Sindaco di Palermo;
    Gaetano Armao, Vice Presidente della Regione Siciliana, Assessore Regionale dell’Economia;
    Placido Plaza, Segretario Generale, CIHEAM

  • Hall 4,  The Venue

    Palazzo Comitini

    Il Palazzo Comitini o Palazzo Gravina di Comitini è un palazzo storico di Palermo.

    L’edificio venne edificato tra il 1766 ed il 1781 su volontà di Michele Gravina e Cruillas Principe di Comitini, dall’architetto Nicolò Palma. Si affaccia su via Maqueda e venne realizzato su un lotto irregolare a più cortili d’impianto planimetrico quadrilatero intercomunicanti mediante passaggi porticati, che servirono a raccordare l’antico edificio cinquecentesco con l’ampliamento settecentesco segnato dalla via Maqueda. Nel 1931 venne aggiunto il terzo piano dall’ingegnere Mario Umiltà. L’edificio ritrova nella facciata la regola della simmetria nella rigorosa localizzazione dei due ingressi. All’interno sono presenti molti stucchi e soffitti affrescati, inoltre le sue sale ospitano molte tele in particolare due quadri di Renato Guttuso, il “Paesaggio” e “Donne alla Fontana” all’interno della Sala rossa e della Sala verde. Una, attualmente, è la sede diplomatica e ufficio stampa della Città metropolitana di Palermo. Molto interessanti i salottini alla cinese dove erano decine piatti di porcellana incassati nelle pareti lignee, poi sostituiti da piatti della ceramica Florio. Altrettanto suggestiva la cosiddetta Sala Martorana, dal nome del pittore Gioacchino Martorana a cui si deve la Gloria del Principe sulla volta. Il pavimento è un fastoso maiolicato settecentesco napoletano. I camerini sono annessi a quella che era la grande alcova dei principi, oggi stanza del sindaco metropolitano.

  • Hall 3,  The Venue

    Archivio storico comunale di Palermo

    Archivio storico comunale di Palermo
    L’archivio storico comunale di Palermo è un edificio che conserva gli archivi dell’amministrazione comunale di Palermo, che contengono documenti a partire dalla fine del XIII secolo fino al 1957.

    La struttura si trova nell’ex convento domenicano della chiesa di San Nicolò da Tolentino, edificato nel XVII secolo e situato al civico 157 di via Maqueda a Palermo[1].

    Storia
    Nel 1866 l’edificio venne adibito all’uso di vari uffici e istituzioni, tra cui l’archivio comunale, che venne inizialmente collocato prima nella Sala degli Abbaini e nella Sala Rettangolare. Il primo archivista fu Fedele Pollaci Nuccio (dal 1866 fino alla sua morte nel 1901).

    Il nucleo centrale dell’archivio è costituito dalla sala Almeyda[1], progettata nel 1881, e terminata nel 1885, dall’architetto Giuseppe Damiani Almeyda, già progettista del Teatro Politeama, e considerata un capolavoro di ingegneria per la sua struttura ricavata nel complesso di un antico convento. Per isolarla dall’umidità, creata da una vena d’acqua che scorre nelle sue fondamenta[1], il progettista realizzò delle intercapedini.

    Aula dell’archivio
    L’ampia sala, supportata da grandi pilastri, ha un’altezza di 17,50 metri, un soffitto a cassettoni e le sue pareti hanno una superficie di oltre 7.000 m2 e sono rivestire interamente da scaffalature in legno contenenti documenti storici[1], dagli inizi del XIV secolo alla metà del XIX, riguardanti la storia della città di Palermo, libri e corrispondenze di uomini illustri che hanno legato la loro attività alla città[1]. L’accesso alle scaffalature avviene tramite una scala a chiocciola che raggiunge le balconate[1], disposte tutto intorno alle scaffalature a vari livelli, consentendo la consultazione dei documenti in esse contenuti. Sulle balconate, delimitate da inferriate in artistico ferro battuto, sono anche presenti dei leggii per agevolare la consultazione dei documenti.

    La lettura può anche essere fatta nella cosiddetta Sala di studio[1] che consente una lettura della documentazione in un ambiente silenzioso e raccolto. In questo caso si possono utilizzare dei montacarichi che consentono di portare i documenti al piano terra.

    Dal 1996 l’archivio comunale è diretto da Eliana Calandra.

    Documenti

    Privilegio del re Alfonso il Magnanimo (Napoli, 1444)
    La collezione dell’archivio comprende documenti di storia locale di Palermo dalla fine del XIII secolo fino alla metà del XX secolo, per un totale di circa 15.290 unità archivistiche comprese tra l’anno 1295 e il 1957. Questi includono le pergamene (certificati) del Tabularium con cui papi e re concessero alla città privilegi, benefici e diritti; inoltre vi sono atti del Senato, appalti, liste di inventario, regolamenti del Consiglio, Cerimoniali, precauzioni, statuti delle corporazioni, l’elenco universale dei beni urbani, cimeli del Risorgimento e documenti successivi all’unità d’Italia.

    Fra i documenti più rari si possono citare rari manoscritti medievali (tra cui un registro di controllo degli Angiovini del 1274 e una raccolta di imbreviature del 1298/1299 del notaio Adamo de Citella), lettere autografe di personaggi del risorgimento italiano, come il Re Umberto I di Savoia, il generale Giuseppe Garibaldi e il politico Francesco Crispi, oltre a documenti sulla storia politica ed economica di Palermo[1].

  • Hall 1,  The Venue

    Teatro Santa Cecilia

    Il real teatro di Santa Cecilia, più comunemente noto come teatro di Santa Cecilia, è un teatro di Palermo del XVII secolo.

    Il teatro, ubicato nell’omonima piazzetta, venne fondato nel 1692 dall’Unione dei Musici, una corporazione che univa musicisti ed uomini dello spettacolo, con il concorso della nobiltà e dello stesso Viceré Francesco Paceco de Uzeda, e inaugurato il 28 ottobre 1693.[1] Il progettista fu probabilmente un certo architetto Giuseppe Musso a cui vengono corrisposte cinquantacinque onze “per avere fatto il modello del detto Theatro e personalmente assistito sopra le fabbriche di quello”.[2] Per l’inaugurazione venne rappresentata L’Innocenza Penitente o la S. Rosalia[1] di Vincenzo Giattini e musica di Ignazio Pulicò: fino ad allora le commedie e le tragedie venivano rappresentate nella chiesa dello Spasimo e nella chiesa della Pinta.

    Presentava sala ellittica, boccascena, palcoscenico e 66 palchi in quattro ordini. Inizialmente il popolo sedeva in platea su 33 file di panche di legno, per un totale di 336 posti.

    I drammi in musica presero ad essere allestiti con fastose scenografie. Per l’allestimento dell’opera Tito Sempronio Gracco di Alessandro Scarlatti nel 1702, le scene vennero affidate ad uno dei più grandi scenografi italiani del tempo, Ferdinando Galli da Bibbiena, come risulta dal libretto dell’opera. Per la scena finale si legge “Globo di nuvole che si cangia prima in galleria, poi in reggia di Nettuno”; sono inoltre elencate alcune delle macchine di scena utilizzate: “conchiglie con Venere, carro trainato da quattro pavoni, ninfe, amorini, tritoni, arco baleno e la reggia di Giove lucida e sfavillante in aria”. Nel 1703 la sala e le gallerie furono dipinte su progetto di Andrea Palma. Nel 1724 vi si rappresentò la Didone abbandonata di Metastasio.

    Con il terremoto del 1726 venne interrotta l’attività teatrale, che riprese nel 1737. La qualità delle opere rappresentate rese il teatro il luogo di ritrovo privilegiato dell’aristocrazia cittadina, che possedeva palchi privati sontuosamente addobbati. Rinnovato nel 1792, lo fu nuovamente nel 1816[1] ad opera dell’architetto Giuseppe Ponte che lo attrezzò di un ingegnoso meccanismo che consentiva, alla fine dell’opera, di trasformare in pochi minuti il teatro in sala da ballo, abbassando il palcoscenico al livello della platea e creando altri diciotto palchi. Ciò avveniva durante le feste e in particolare durante il Carnevale, quando i teatri ospitavano spesso balli mascherati.

    Nel 1853 intervenne a risistemare l’interno Carlo Giachery, il quale sostituì con poltroncine le panche in legno della platea. Nello stesso tempo Giuseppe Di Bartolo ridisegnò i fronti esterni creando due ordini di paraste tra le finestre ad arco, con fastigio finale in stucco dello scultore Filippo Quattrocchi. I lavori furono diretti dall’architetto Giuseppe Patricolo, autore peraltro di diversi progetti di ammodernamento del teatro, che descrisse minutamente i lavori da compiere in un preventivo, anch’esso utilissimo oggi per un paragone tra l’antico e il nuovo teatro.[3]

    Dopo l’Unità, probabilmente per la concorrenza del Teatro Bellini e del nuovissimo Teatro Garibaldi, il Teatro Santa Cecilia entrò in crisi e il sindaco Antonio Starrabba, marchese di Rudinì, nel 1865 lo adattò a primo café chantant della città. Nel 1875 divenne Museo delle Cere, venne poi preso in affitto dalla Filodrammatica del Buon Pastore e infine chiuse definitivamente il 29 aprile 1888: la costruzione del Teatro Massimo e del Teatro Politeama ne determinò il decadimento e l’abbandono. Nel 1906 fu acquistato dalla Società Ferri e Metalli e nel 1955 venne acquisito dai fratelli Guajana che lo adibirono a deposito.
    Nell’ottobre 1987, in occasione di una manifestazione privata, lo spazio scenico venne riutilizzato per la messa in scena dell’opera Bobok, tratta dal racconto di Dostoevskij.

    Nel 2009 è iniziato il restauro del teatro con fondi comunitari. Il 9 settembre 2010, l’allora assessore regionale dei Beni culturali e dell’Identità siciliana, Gaetano Armao, insieme al Presidente della Fondazione The Brass Group, Ignazio Garsia, hanno firmato la convenzione per l’affidamento del teatro alla stessa Fondazione. Nel dicembre 2015, con i lavori di recupero in via di ultimazione, iniziano già a tenersi alcuni concerti di musica jazz.[4] Nell’aprile 2016 il teatro torna agibile per ospitare i concerti e gli eventi culturali della Fondazione Brass Group.[5]

  • Hall 2,  The Venue

    GAM Galleria d’Arte Moderna

    In oltre un secolo di storia la Galleria d’Arte Moderna ha attraversato un lungo percorso che ha portato all’incremento delle collezioni, ma soprattutto alla sua affermazione come una delle istituzioni culturali più moderne e vitali della città di Palermo. Intitolato a Empedocle Restivo, promotore della sua costituzione a inizio del secolo scorso, il Museo ha aperto i battenti nel Ridotto del Teatro Politeama il 24 maggio del 1910, ponendosi immediatamente come obiettivo principale quello di rendere fruibili le testimonianze dell’esaltante stagione della belle époque in un periodo di grande fermento culturale ricco di nuovi progetti per la città.

    Una storia scritta anno dopo anno con lo sguardo sempre rivolto al futuro e che dal 2006 continua all’interno del Complesso monumentale di Sant’Anna, la nuova sede adeguata – sia a livello strutturale che di servizi al pubblico – alle esigenze di un museo del XXI secolo.

    Nei nuovi spazi, con un rinnovato ordinamento scientifico, sono esposte oltre duecento opere tra pitture e sculture, suddivise in quattordici sezioni tematiche e monografiche che illustrano il percorso delle arti figurative in Italia tra Otto e Novecento a testimonianza del ruolo che pittori e scultori di rilievo nazionale hanno assunto nelle vicende della Palermo modernista.

    Tra i più grandi capolavori: le grandi tele di formato monumentale di Giuseppe Sciuti, i paesaggi di Francesco Lojacono, il naturalismo di Antonio Leto, i rimandi Art nouveau di Ettore De Maria Bergler, il gusto scintillante e luministico di Giovanni Boldini e la densa stagione del Novecento, testimoniata da autori come Massimo Campigli, Felice Casorati, Mario Sironi, Renato Guttuso, Franz von Stuck, che ci restituiscono le atmosfere e le suggestioni di una moderna capitale europea.

    Il progetto generale di ordinamento scientifico del Museo è stato curato da un gruppo di studiosi coordinato da Fernando Mazzocca e composto da Gioacchino Barbera, Luisa Martorelli, Antonella Purpura e Carlo Sisi. Il progetto di allestimento è stato firmato da Corrado Anselmi e quello illuminotecnico da Leonardo Adragna.

  • Hall 5,  The Venue

    Palazzo delle Aquile sala delle lapidi

    Il Palazzo Pretorio, noto anche come Palazzo delle Aquile (già denominato Palazzo Senatorio o Palazzo di Città),[1] si trova in piazza Pretoria, sul confine del quartiere Kalsa, vicino ai Quattro Canti.

    È la sede di rappresentanza del Comune di Palermo.
    In epoca aragonese il titolo di pretore equivaleva a quello di bajulo. Nel 1322 il sovrano Federico III riconosce la necessità di erigere una sede idonea destinata alle assemblee cittadine, esigenza supplita con riunioni in luoghi di culto (Chiesa di San Francesco d’Assisi).

    Sorto nell’attuale sede nel XIV secolo secondo alcune fonti ad opera di Federico II d’Aragona, intorno alla fine del Quattrocento venne interamente ricostruito per iniziativa del pretore Pietro Speciale, signore di Alcamo e di Calatafimi, sotto la direzione dei lavori di Giacomo Benfante, secondo la tesi di Giovanni Meli i lavori iniziarono nel 1470 e si conclusero nel 1478.

    Epigrafe monumentale, incoronazione Vittorio Amedeo II di Savoia e Anna Maria d’Orleans, 1713.
    Le trasformazioni e i rifacimenti che si susseguirono nel corso del Cinquecento e del Seicento avevano trasformato l’edificio in una vera e propria stratificazione di stili architettonici. In origine il portale principale si affacciava sul piano di San Cataldo inserito nel prospetto rivolto a meridione descritto come un loggiato delimitato da torri laterali, manufatto ornato dalle statue dei due Litiganti ignudi, copie romane di atleti greci, una attualmente è collocata nella Sala Rossa.

    Durante i lavori di ampliamento fu rifatto l’attuale prospetto principale nel 1553, perfezionato nel 1597, manufatto volto a celebrare la riunificazione di tutti gli uffici civici, fino a quel momento sparsi sull’intero territorio cittadino.[6] L’utilizzo del prospetto a settentrione come ingresso principale avviene verosimilmente in concomitanza del processo di risistemazione del Piano Pretorio, del prolungamento del Cassaro e dell’installazione della celebre fontana. La nuova disposizione del sito con le opere d’arte installate costituivano la degna cornice per la rigenerata struttura, sintesi della potenza e dello splendore del regno, tutti elementi caratterizzati da competizione in ambito artistico fra capitali del panorama europeo, ambizione verso il bello e grandioso non scevro da propensione ad una spiccata prodigalità.

    Nuovamente ristrutturato da Mariano Smiriglio nel 1615 – 1617. Nel 1661 sul cornicione fu collocata la statua della patrona della città, Santa Rosalia, opera di Carlo D’Aprile.
    Il Senato o Magistratura Municipale Annonaria provvede all’amministrazione patrimoniale della città. L’istituzione è presieduta da un capo col titolo di pretore e sei senatori in carica per due anni. L’organo è eletto dal Consiglio Civico, consesso formato da 110 cittadini aventi una rendita annua di 50 onze, in carica per quattro anni. Il 15 agosto 1722 l’imperatore Carlo VI d’Asburgo conferì ai suoi componenti la Grandia di Spagna di prima classe e il titolo di Eccellenza. Il consiglio è affiancato da sette nobili ufficiali: maestro notaio, maestro razionale, tesoriere, cancelliere, marammiere, conservatore delle armi e un archiviario.

    Il 3 aprile 1746 il re Carlo III di Borbone conferisce al Senato la Magistratura Suprema, Generale, Unica ed Indipendente della Salute, organo composto dal pretore con funzione di Presidente, sei senatori pro tempore, l’arcivescovo di Palermo, un ecclesiastico, quattro ex-pretori, due giureconsulti, quattro ex-senatori, tre medici, un cancelliere, tutti componenti nominati a vita e reintegrati alla bisogna dal Senato e dalla Deputazione.

    L’intero complesso monumentale subì un ampliamento dopo il terremoto di Pollina del 5 marzo 1823.

    Dopo la Presa di Palermo del 1860 fu sede del governo dittatoriale di Garibaldi e una targa ricorda l’evento. Nel 1875, l’architetto Giuseppe Damiani Almeyda lo reinterpretò in stile neorinascimentale, rivestendolo all’esterno con un bugnato color ocra e lo definì Palazzo delle Aquile[9].

    Nel 1877 il Piano Pretorio fu raccordato al livello della Via Maqueda con un’elegante gradinata delimitata da due sfingi in marmo di Billiemi, opera dello scultore Domenico Costantino.

    Dall’Unità d’Italia, nella Sala della Lapidi si tengono le riunioni del consiglio comunale, nella Sala Gialla quelle della Giunta, mentre quella del sindaco è detta Sala Rossa.

    L’antico orologio del palazzo, fermo dagli anni 1980, è stato rimesso in funzione nel 2014.

    L’edificio ha forma rettangolare, con cortile centrale. Sul portale, che dà su Piazza Pretoria, campeggia l’aquila, simbolo della città di Palermo.

    I quattro prospetti sono orientati secondo i punti cardinali, l’ingresso principale volge a settentrione affacciato su piazza Pretoria e la monumentale fontana Pretoria.[10]

    Sala delle Lapidi
    Già primitiva Sala del Pubblico Consiglio o Sala Maggiore. Salone deputato alle riunioni del Consiglio Comunale, così denominato per via delle numerose iscrizioni marmoree poste alle pareti. L’ambiente custodisce cinquanta targhe in marmo collocate nel 1875 dal gesuita e storico dell’arte Gioacchino Di Marzo, e un soffitto in legno dipinto del XIV secolo le cui decorazioni sono state riprese dal pittore fiorentino Tito Covoni. Un lampadario in legno intagliato e il pavimento in marmo intarsiato proveniente dall’Oratorio della Pace

    Nel settembre 1760, il Senato Palermitano in questo ambiente tenne la cerimonia inaugurale della Biblioteca cittadina. L’istituzione ebbe la sua prima sede in una stanzetta del Palazzo Pretorio, ma ben presto il gran numero di donazioni di manoscritti e stampati rese lo spazio insufficiente e fu necessario affittare alcuni locali del palazzo del duca di Castelluccio, fino al definitivo trasferimento presso le strutture gesuitiche di Casa Professa.