about,  programme

SCOPO E OBIETTIVI

La seconda conferenza mondiale ha lo scopo di identificare meglio strategie, programmi e azioni, in grado di fornire soluzioni per far fronte alle attuali sfide critiche nella regione attraverso un Mediterraneo più sostenibile sistemi alimentari, facendo da ponte tra il consumo e la produzione di alimenti sostenibili attraverso la dieta mediterranea.

Il riconoscimento della Dieta Mediterranea come leva per collegare produzione e consumo, in modo sostenibile e sano, può contribuire a catalizzare sforzi più ampi e innovativi da parte di più parti interessate, aprendo così la strada per affrontare le sfide che i paesi mediterranei devono affrontare. La conferenza ha lo scopo, con un approccio scientifico, di continuare a rafforzare il dialogo tra i paesi del Nord e del Sud del Mediterraneo, collegando la sicurezza alimentare e la nutrizione alla sostenibilità, per un passaggio verso sistemi alimentari più sostenibili nella regione, per garantire uno sviluppo sostenibile sviluppo, sicurezza, stabilità e benessere per le generazioni presenti e future.

Il fondamento logico della Seconda Conferenza Mondiale è che una migliore comprensione della multidimensionalità della sostenibilità dei sistemi alimentari rafforzerà il dialogo tra i paesi del Nord e del Sud affrontare le crescenti sfide per la sicurezza alimentare, l’alimentazione e la sostenibilità, nella regione mediterranea.

Nel dibattito internazionale sulla sostenibilità dei sistemi alimentari, l’interesse per le diete sostenibili è cresciuto negli ultimi anni, collegando il consumo e la produzione, e quindi l’interesse per la dieta mediterranea come modello di dieta sostenibile, con molteplici benefici e specifici per paese variazioni, è stato risvegliato.

Alla conferenza, “ricerca, innovazione, condivisione delle conoscenze e sviluppo delle capacità” saranno evidenziati come elementi trainanti per il passaggio a sistemi alimentari sostenibili più mediterranei per la realizzazione dell’agenda 2030 nella regione.

Rafforzando i dialoghi multi-stakeholder, da Nord a Sud e da Sud a Sud, la Conferenza Mondiale mira a migliorare un più ampio consenso internazionale sulla dieta mediterranea come modello di dieta sostenibile per oggi, con variazioni specifiche per paese. Ciò fungerà da leva per colmare la produzione e il consumo di cibo, in modo sostenibile e sano, nel contesto della diversità dei sistemi alimentari mediterranei.

A partire dalla salvaguardia degli ecosistemi marini del Mediterraneo e dalla valorizzazione del pesce azzurro e della pesca artigianale su piccola scala, come simbolo della rivitalizzazione della dieta mediterranea, la Conferenza mondiale cerca di catalizzare e consolidare più ampie azioni multi-stakeholder sui seguenti molteplici benefici della Dieta Mediterranea, come modello di dieta sostenibile per gli stili di vita contemporanei:

1) i principali benefici riconosciuti per la salute e la nutrizione, ben documentati, nella prevenzione delle malattie croniche e nella riduzione dei costi della salute pubblica e nel miglioramento generale del benessere;

2) Basso impatto ambientale e ricchezza nella biodiversità, apprezzamento del valore della biodiversità, riduzione della pressione sulle risorse naturali e mitigazione dei cambiamenti climatici;

3) Rendimenti economici locali positivi, sviluppo territoriale sostenibile, riduzione della povertà rurale;

4) Alto valore sociale e culturale del cibo, riduzione degli sprechi alimentari, crescita del rispetto reciproco, recupero dell’identità, inclusione sociale e responsabilizzazione dei consumatori.

La dieta mediterranea, in quanto espressione della diversità delle culture alimentari mediterranee e dei loro diversi sistemi alimentari e culinari, non è stata ancora pienamente riconosciuta come una significativa risorsa di sviluppo sostenibile nella regione del Mediterraneo, un potenziale “driver” nell’affrontare la domanda verso un consumo alimentare più sostenibile, influenzando di conseguenza la produzione.

OBIETTIVI

A. Rilasciare il bando di Palermo del 2019 per un’azione comune nel Mediterraneo verso sistemi alimentari più sostenibili e la rivitalizzazione della dieta mediterranea come modello di dieta sostenibile che porta consumo e produzione sostenibili per accellerare l’agenda 2030 nella regione per le generazioni presenti e future .

B. Continuare a rafforzare i dialoghi basati sulla scienza tra i paesi del Nord e del Sud del Mediterraneo per comprendere meglio le crescenti sfide interdipendenti che tutte le popolazioni si trovano ad affrontare nella regione mediterranea, nonché verso il raggiungimento degli obiettivi di sviluppo del Programma 2030 nella regione mediterranea per il presente e le generazioni future;

C. Identificare strategie, programmi, progetti e azioni per migliorare la sostenibilità dei sistemi alimentari nella regione mediterranea;

D. riconoscere la dieta mediterranea come un modello alimentare sostenibile, con variazioni territoriali specifiche del paese, per gli stili di vita mediterranei contemporanei;

E. Consolidare l’iniziativa delle Conferenze mondiali della rivitalizzazione della dieta mediterranea come forum permanente per i dialoghi transdisciplinari sui sistemi alimentari sostenibili del Mediterraneo che utilizzano la dieta mediterranea come leva per colmare consumo e produzione in modo sostenibile e sano;

F. Promuovere lo sviluppo di una “Piattaforma di sistemi alimentari sostenibili multi-stakeholder mediterranei” all’interno della Rete dei Pianeti Unitari delle Nazioni Unite, per sbloccare il potenziale di ricerca, innovazione, condivisione di conoscenze la sporgenza e lo sviluppo delle capacità, tra partenariati pubblici e privati ​​dei paesi del Nord e del Sud del Mediterraneo, per aumentare il consumo e la produzione alimentare più sostenibili nella regione.

RISULTATO PREVISTO

L’appello del 2019 a Palermo per un’azione comune nel Mediterraneo verso più sistemi alimentari sostenibili del Mediterraneo: CAMBIO DI RUOVA: un cambiamento trasformazionale nella regione

USCITA PREVISTA

Lo sviluppo di una piattaforma per sistemi alimentari sostenibili multistakeholder nel Mediterraneo, all’interno di uno Planet Network delle Nazioni Unite, per accelerare il passaggio verso un consumo alimentare più sostenibile e produzione nella regione mediterranea.

RISULTATI ASPETTATI

• Migliorare una prospettiva di trasformazione dei sistemi alimentari sostenibili nel Mediterraneo per raggiungere obiettivi di sviluppo prioritario dell’agenda 2030 che colleghino consumo e produzione sostenibili alla sicurezza alimentare, alla nutrizione e alle
colorabilità nella regione mediterranea;

• Consolidare dialoghi scientifici internazionali sulla valutazione della sostenibilità dei sistemi e delle diete alimentari;

• Affrontare i collegamenti tra cibo, nutrizione, risorse naturali e umane e compromessi;

• Rafforzamento delle capacità nella generazione e condivisione della ricerca, promozione di partenariati pubblico-privato e valorizzazione delle opportunità derivanti dalle collaborazioni tra più parti.