• news,  Senza categoria

    MERCOLEDÌ 15 MAGGIO 2019 15.45.12

    Garcia-Herraiz, al lavoro contro crisi idrica Mediterraneo

    ZCZC6830/SXB OPA50436_SXB_QBXB R CRO S0B QBXB Garcia-Herraiz, al lavoro contro crisi idrica Mediterraneo Vice segretario UpM, creare network tra le aree marine protette (ANSA) – PALERMO, 15 MAG – “Stiamo lavorando grazie ad alcuni progetti finanziari per promuovere gli investimenti nel settore idrico. La Sicilia rappresenta un crocevia, ci occuperemo in particolare del cibo, che rappresenta anche acqua, agricoltura, gastronomia, quindi tradizioni”. Lo ha detto oggi a Palermo, il diplomatico spagnolo Miguel Garcia-Herraiz, vicesegretario dell’Unione per il Mediterraneo, l’organizzazione politica che raggruppa Paesi dell’Unione Europea e del vicino Oriente per promuovere progetti in tema di carenza d’acqua, lavoro per i giovani, ambiente. “La preoccupazione principale e’ come gestire la complessita’ di tutte queste tematiche, dunque, partendo dall’alimentazione, un tema semplice, possiamo lavorare insieme per risolvere la complessita’ delle questioni”, ha detto Herraiz a margine dell’apertura della seconda conferenza mondiale sulla Rivitalizzazione della DietaMediterranea. “La prima cosa che riguarda il Mediterraneo – ha aggiunto – e’ che i problemi idrici dei Paesi vicini possono diventare i nostri, quindi abbiamo un interesse comune. Politicamente il Mediterraneo non e’ integrato, ma lo e’ dal punto di vista del cambiamento climatico: bisogna creare un interesse comune per condividere i problemi e affrontarli insieme”. (ANSA). Y74-FI 15-MAG-19 15:44 NNNN

  • Senza categoria

    INTRODUZIONE

    Il Mediterraneo è attualmente visto principalmente come un mare divisorio, ma i paesi culturalmente diversi si trovano ancora uniti nel patrimonio della dieta mediterranea, senza che ciò distorca l’identità di ciascuno di essi. 

    La dieta mediterranea, riconosciuta dall’UNESCO come patrimonio culturale immateriale dell’umanità, è la testimonianza della forte congiunzione tra le persone che vivono nello stesso mare, i loro territori e i loro modi di vita, che oggi devono essere fortemente salvaguardati da un aumentare il processo di erosione e rivitalizzare come stile di vita sostenibile e sano contemporaneo. Nel Mediterraneo ci sono diverse culture alimentari, espresse nell’ampia varietà di alimenti della dieta mediterranea, scientificamente riconosciuta come una delle diete più sane del mondo. Paradossalmente, questa quantità impressionante di pubblicazioni scientifiche sui benefici per la salute della dieta mediterranea, non ha portato a modificare gli attuali modelli di consumo di cibo malsano e insostenibile nei paesi mediterranei. 

    In tutta la regione mediterranea, vi è una “deriva ineguale” nelle attuali relazioni tra i paesi del Mediterraneo settentrionale e quelli del sud-est, dove si incontrano molte difficoltà a causa delle attuali disparità economiche, sociali e culturali. In effetti, gli indicatori macroeconomici della regione mediterranea sottolineano la marcata eterogeneità tra i paesi e un divario crescente tra le economie avanzate nelle coste settentrionali e quelle meno sviluppate in quelle sud / est. Il Mediterraneo è oggi una regione in cui crescono le sfide ecologiche, economiche, sociali e culturali convivono con le tensioni internazionali non risolte. Significative discrepanze nei livelli di sviluppo tra i paesi del Nord e dell’Est, insieme ai conflitti regionali, sollevano maggiori sfide per il futuro sostenibile delle aree del Mediterraneo. Nell’ambito del dibattito sull’agenda 2030 sullo sviluppo sostenibile sulla sostenibilità dei sistemi alimentari, l’interesse per le diete sostenibili è cresciuto negli ultimi anni, collegando il consumo e la produzione. Pertanto, l’interesse per la dieta mediterranea anche come modello di dieta sostenibile, con molteplici benefici e variazioni specifiche per paese, è stato risvegliato.

    Il fondamento logico della Conferenza mondiale di Palermo è che una migliore comprensione della complessità e della multidimensionalità della sostenibilità dei sistemi alimentari rafforzerà il dialogo tra i paesi del Nord e del Sud per affrontare le crescenti sfide per la sicurezza alimentare, l’alimentazione e la sostenibilità nella regione mediterranea.

    Per affrontare queste sfide diverse ma interdipendenti, è necessario identificare e rafforzare ulteriormente le strategie e i programmi regionali congiunti, in cui il potenziale di “ricerca, innovazione, condivisione delle conoscenze e sviluppo delle capacità” dovrebbe essere messo in evidenza come forza trainante per il cambiamento verso sistemi alimentari più sostenibili nella regione, come strumenti essenziali per sostenere l’attuazione di un’economia inclusiva nel Mediterraneo, in attuazione dell’agenda per lo sviluppo sostenibile del 2030.

  • Senza categoria

    INTRODUCTION

    The Mediterranean is currently seen mostly as a dividing sea, but culturally diverse countries are still found united within the Mediterranean diet heritage, without for this to distort the identity of each of them.

    The Mediterranean diet, acknowledged by UNESCO as an intangible cultural heritage of humanity, is the testimony of the strong conjunction between people, who are living in the same sea, their territories and their ways of life, that today need to be strongly safeguarded from an increasing erosion process and revitalized as a contemporary sustainable and healthy life style. In the Mediterranean there are different food cultures, expressed in the wide variety of foods of the Mediterranean diet, scientifically recognized as one of the healthiest diets in the world. Paradoxically, these existing impressive quantity of scientific publications on the health benefits of the Mediterranean Diet, did not result in changing current unhealthy and unsustainable food consumption patterns in Mediterranean countries.

    Across the Mediterranean region, there is an “inequalitarian drift” in the current relations between Northern Mediterranean countries and Southern-Eastern ones, where many difficulties are encountered due to the existing economic, social and cultural disparities.

    In fact, the macroeconomic indicators of the Mediterranean region emphasize the marked heterogeneity among the countries and a growing gap between the advanced economies in the northern shores and the less developed ones in the southern/eastern ones. The Mediterranean is today a region in which growing ecological, economic, social and cultural challenges coexist with unresolved international tensions. Significant discrepancies in development levels between Northern and Eastern countries, together with regional conflicts, raise more challenges for the sustainable future of the Mediterranean areas.

    Within the 2030 Agenda on Sustainable Development debate on the sustainability of food systems, the interest on sustainable diets has grown in recent years, by linking consumption and production. Therefore, the interest on the Mediterranean diet also as a sustainable diet model, with multiple benefits and country-specific variations, has been reawakened.

    The underpinning rationale of the Palermo World Conference is that a better understanding of the complexity and multidimensionality of the sustainability of food systems will strengthen the dialogue between North and South countries to address growing challenges for food security, nutrition and sustainability, in the Mediterranean region.

    To face these diverse yet interdependent challenges, there is a need for the identification and further strengthening of joint regional strategies and programs, in which the potential of “research, innovation, sharing knowledge and capacity building” should be highlighted as driving forces for the shift towards more sustainable food systems in the region, as essential instruments for supporting the implementation of an inclusive economy in the Mediterranean, delivering on the 2030 Sustainable Development Agenda.