L’Arte del futuro, l’app di un siciliano

di Michele Giuliano  

 
 
 
Un imprenditore palermitano ha ideato un software che, grazie alla tecnologia “blockchain”, permette a qualunque operatore di verificare con un semplice click tutti i dati sensibili di un’opera e di consultare in tempo reale tutti i documenti che ne certificano l’autenticità.
 
PALERMO – Utilizzare la tecnologia per certificare, in modo definitivo, l’autenticità di un’opera d’arte. Il progresso, insomma, che si mette al servizio della bellezza, per proteggerla ed esaltarla. Un sistema innovativo ed efficiente, a portata di mano, disponibile a tutti, che permette, in tempo reale, di verificare la storia di un’opera e visionare i documenti che ne attestano le caratteristiche. Lo ha inventato un imprenditore palermitano, Raffaele Mazzeo, che, attraverso la tecnologia Blockchain, ha creato un registro distribuito digitale in cui inserire le opere d’arte fisica e di certificarle in maniera definitiva. Il software è denominato “Art Blockchain”, ideato a Palermo da RMStudio, e permette a qualunque operatore del mercato dell’arte di verificare con un click tutti i dati sensibili di un’opera e consultare in tempo reale tutti i documenti che la certificano. Inoltre, grazie all’utilizzo della tecnologia “Blockchain”, la stessa usata per i Bitcoin, le informazioni registrate sono pubbliche, associate a una data precisa e immutabili, cioè non possono essere più cancellate o modificate una volta registrate.
“Questa applicazione – spiega Raffaele Mazzeo, proprietario di RMStudio – rappresenta un’opportunità per il mondo dall’arte perché crea un registro distribuito e garantito delle opere. Così è possibile ripercorrere tutti i passaggi di proprietà che hanno segnato la storia di un’opera, incrementandone anche il suo valore immateriale”. Ma non solo: si apre un mondo di possibilità che sfruttano il web e la blockchain. Sarà possibile, ad esempio, l’interazione attiva con il fruitore dell’opera permettendo che questa oltre che fisica diventi anche digitale e interattiva.
 
continua su…. 
 
Share